Vai al contenuto

LA BEFANA VIEN DI NOTTE E… TI PORTA L’AMORE PER LA LETTURA

img_5279 copiaQuando ero ancora bambina, la mia mamma, il giorno prima dell’Epifania, mi portava da Druetto (una bellissima libreria di Torino, che, come moltissime altre,  ormai non c’è più, ahimè) e mi faceva scegliere alcuni libri, come regalo della Befana.

Se amo la lettura io lo devo alla mia mamma e di questo gliene sarò sempre grata. Ricordo che un giorno, portandomi a vedere la casa dove aveva abitato da bambina,  mi raccontò una storia (vera): mi disse che quando era una ragazzina, il vicino di casa era un anziano professore di letteratura italiana, il professor Schiavo (il nome lo ricordo ancora e penso che lo ricorderò vita natural durante); questo professore era vedovo e senza figli e i miei nonni lo avevano “adottato”, accogliendolo come uno di famiglia, tanto che ad anni di distanza dalla sua morte, io stessa li sentivo parlare di lui, che veniva citato come “Il professore”, con un tono di grande reverenza. Comunque, tornando a quel giorno, mia mamma mi disse che era ormai in pensione e due pomeriggi la settimana la aiutava  a fare i compiti; siccome trascorreva la maggior parte del tempo in casa in completa solitudine, una volta la mia mamma gli domandò se non si sentisse solo e lui con un gesto del braccio le indicò la parete della sua libreria, dicendole: “Io non sono solo, ho tutti questi amici a farmi compagnia”. All’epoca la mia mamma era molto giovane e  lì per lì non comprese il significato di quell’affermazione: pensò che quel brav’uomo fosse un ottimo insegnante, certo,  ma un po’ strambo. Con gli anni però comprese il vero valore di quella frase e volle trasmettermelo, non solo raccontandomi questa storia vera, ma anche insegnandomi ad amare i libri e la lettura.

Ieri, presa dalla malinconia, ho voluto ripetere il rito della libreria il giorno prima dell’Epifania e sono andata a comprarmi Sérotonine, il nuovo romanzo di Michel Houellebecq, uscito due giorni fa qui in Francia (in Italia “Serotonina”  uscirà il prossimo 10 gennaio pubblicato da La nave di Teseo).

Serotonina è un romanzo  sulle devastazioni di un mondo ormai privo di bontà, un mondo senza solidarietà, dai mutamenti divenuti ormai incontrollabili, ed è anche un romanzo sui rimorsi e sui rimpianti. 

È sicuramente un libro che sarebbe piaciuto a mia mamma, così come le sarebbe piaciuto lo scrittore Houellebecq, ne sono certa.

Comunque, in realtà quello che mi premeva di dire è questo: gli adulti sono punti di riferimento importanti per i più piccoli e secondo me sarebbe  dovere di ogni adulto (in modo particolare di ogni genitore), insegnare ai bambini ad amare la lettura, perché leggere è importante, ci rende più consapevoli e… meno soli.

 

© Monica Cillario

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: